x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Anziani insultati e presi a calci, casa di riposo “lager” scoperta a Palermo: 4 arresti – NOMI

Voce Contro Corrente

Anziani insultati e presi a calci, casa di riposo “lager” scoperta a Palermo: 4 arresti – NOMI

lunedì 22 Febbraio 2021 - 08:58
Anziani insultati e presi a calci, casa di riposo “lager” scoperta a Palermo: 4 arresti – NOMI

Una casa di riposo “lager” è stata scoperta a Palermo dalla guardia di finanza. In manette quattro persone con le accuse di maltrattamento, lesioni personali e violazioni in materia di tutela della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro.

L’inchiesta della procura ha scoperto i maltrattamenti fisici e psicologici ai danni degli anziani ospiti della casa di riposo ‘I nonnini di Enza’. I finanzieri hanno sequestrato e affidato la struttura a un amministratore giudiziario.

Casa di riposo “I nonnini di Enza”, quattro arresti: i nomi

L’operazione, denominata ‘Nessuno tocchi i nonnini’, ha portato ai domiciliari Maria Grazia Ingrassia, di 56 anni, Carmelina Ingrassia, di 52, Mariano Ingrassia, di 63, e Vincenza Alfano, di 28.

A far partire le indagini del Gruppo tutela mercati capitali del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Palermo è stata la segnalazione di una ospite della casa di riposo.

In meno di due mesi le telecamere nascoste hanno registrato decine di vessazioni e angherie. Vessazioni “attuate sistematicamente – dicono le fiamme gialle – a danno degli anziani costretti a vivere in uno stato di costante soggezione e paura”.

Gli investigatori parlano di un vero e proprio “regime di vita mortificante e insostenibile, fatto di continue ingiurie e minacce”. Il personale prendeva di mira gli anziani con frasi orribili come “ti prendo a bastonate”, “t’ammazzo a legnate”, “cosa inutile…prostituta…devi buttare sangue qua e devi morire”, “tanto se muori che mi interessa”. Oltre agli insulti le vittime erano prese di mira da intimidazioni e violenze fisiche: calci, schiaffi e strattonamenti.

Leggi anche

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta