x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Aborto: si prova dolore nel grembo materno. Mozione chiede anestesia

Voce Contro Corrente

Aborto: si prova dolore nel grembo materno. Mozione chiede anestesia

lunedì 15 Febbraio 2021 - 12:25
Aborto: si prova dolore nel grembo materno. Mozione chiede anestesia

Si prova dolore dentro il grembo materno, anche prima delle 24 settimane fissate nel Regno Unito come soglia per eseguire l’aborto. Per questa ragione, la deputata inglese Carla Lockhart ha presentato una mozione al governo per chiedere che sia somministrata l’anestesia a questi piccoli, almeno dalla 12esima settimana di gestazione in poi.

Nel Regno Unito, infatti, l’aborto volontario è consentito fino alle 24 settimane. Per i casi di grave disabilità, il limite si sposta fino al momento della nascita.

Dolore fetale, gli studi

Come riferisce Christian.org, la guida del Royal College of Obstetricians and Gynecologists attualmente consiglia ai medici di rassicurare i genitori sull’assenza di dolore fetale durante un aborto prima della 24esima settimana.

La mozione di Carla Lockhart è stata appoggiata da altri 25 parlamentari firmatari. Essa si basa sul rapporto pubblicato a marzo 2020 “Fetal Sentience and Pain: An Evidence Review” commissionato dal All-Party Parliamentary Pro-Life Group (APPPG).

Mentre il rapporto era in corso d’opera, anche un altro studio ha fatto la sua comparsa sul Journal of Medical Ethics. Lo studio ha attestato con valide prove che i non nati provano dolore prima delle 24 settimane.

I dottori Stuart Derbyshire e John Bockmann asseriscono che tale capacità comparirebbe già attorno alle 12 settimane e incrementerebbe col progressivo sviluppo del sistema nervoso.

Aborto: “Rivedere linee guida vecchie di 10 anni”

Alla luce di tali dati, la deputata cristiana Fiona Bruce ha dichiarato l’esigenza di rivedere le linee guida sull’aborto. “Dato lo sviluppo di opinioni e ricerche sul dolore fetale, la guida del Royal College of Obstetricians and Gynecologists su questo problema in relazione all’aborto – che ora ha quasi dieci anni – dovrebbe essere rivista.”

Il testo della mozione, inoltre, mette in luce alcune incongruenze sulla questione. Perché le linee guida del Sistema sanitario nazionale raccomandano il sollievo dal dolore per la chirurgia in caso di spina bifida dalla 20 settimana, ma non per l’aborto?

Perché l’uccisione di animali protetti a partire dai due terzi della gestazione segue una regolamentazione più severa rispetto a quella per gli esseri umani?

Il testo chiede quindi che sia fornito sollievo dal dolore a partire “almeno dalle 12 settimane di gestazione per tutte le procedure mediche invasive che coinvolgono i bambini nel grembo materno, compreso l’aborto”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta