x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Bimba morta soffocata, TikTok al Garante: “Al lavoro per tutelare i più giovani”

Voce Contro Corrente

Bimba morta soffocata, TikTok al Garante: “Al lavoro per tutelare i più giovani”

Intanto la procura di Palermo ha disposto l'autopsia sul corpo della piccola di 10 anni
sabato 23 Gennaio 2021 - 09:29
Bimba morta soffocata, TikTok al Garante: “Al lavoro per tutelare i più giovani”

“Abbiamo ricevuto e stiamo analizzando l’informativa del Garante. La privacy e la sicurezza sono una priorità assoluta per TikTok e lavoriamo costantemente per rafforzare le nostre policy, i nostri processi e le nostre tecnologie per proteggere tutta la nostra community e i nostri utenti più giovani in particolare”. È la replica ufficiale di TikTok in merito alla decisione dell’Autorità per la protezione dei dati personali che ieri – dopo il caso della bambina di 10 anni morta a Palermo – ha disposto il blocco per tutti gli account del social “per i quali non sia stata accertata con sicurezza l’eta’ anagrafica”.

Le rassicurazioni di TikTok e le indagini della Procura

Intanto la procura di Palermo ha disposto l’autopsia sul corpo della piccola, portata dai familiari in ospedale in una corsa disperata. L’esame autoptico si svolgerà domani all’istituto di Medicina Legale del Policlinico. La bambina aveva diversi profili su Facebook e TikTok e nel telefonino potrebbe essere stato registrato il video degli ultimi momenti della sua vita.

La black-out challenge prende sempre più piede tra i ragazzi che si sfidano a chi resiste di più stringendosi attorno alla gola una cintura. La polizia dovrà stabilire se qualcuno ha contattato la bimba per coinvolgerla nel folle gioco. Intanto si indaga a carico di ignoti per istigazione al suicidio. Oltre alla Procura sul caso sta facendo accertamenti la Procura dei minori. Oggi uno striscione è stato appeso al balcone dell’istituto comprensivo statale Perez Calcutta in via Maqueda a Palermo frequentato dalla bambina. “Ciao, per anni ti abbiamo tenuto per mano, ora ti terremo nel cuore”.

Leggi anche

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta