x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Bambino cristiano di 11 anni ucciso dal suo capo musulmano per un euro

Voce Contro Corrente

Bambino cristiano di 11 anni ucciso dal suo capo musulmano per un euro

martedì 16 Luglio 2019 - 12:50
Bambino cristiano di 11 anni ucciso dal suo capo musulmano per un euro

Il bambino cristiano di 11 anni lavorava in una discarica di proprietà di un musulmano. Stava per andarsene quando il capo lo ha ucciso.

La storia di Badal Masih si è consumata in silenzio, come quella di tutte le morti cristiane degli ultimi mesi. Il bambino cristiano di 11 anni lavorava in una discarica in Pakistan per guadagnare pochissimi euro da portare alla sua famiglia.

L’omicidio, avvenuto a Faisalabad, è stato perpetrato da Ifran Kalu, islamico che credeva che il bambino dovesse faticare per guadagnarsi il pane e il paradiso

A raccontare la storia del bambino cristiano ucciso è stata la madre, Shareefan Bibi. I due vivevano in un distretto destinato agli indigenti. Il padre del bambino, un tossicodipendente, li ha abbandonati.

Tuttavia il piccolo non si perdeva d’animo: “Sono molto povero, ma ho fede in Dio”, diceva spesso alla madre.  Ed è stata proprio un’idea del bambino quella di cominciare a svolgere un lavoro estivo. E lo ha trovato nella discarica dove poi è morto

Solo che le condizioni erano disumane: il bambino veniva sottopagato e maltrattato. E dopo aver chiesto in prestito 150 rupie (poco più di un euro) per alcune spese necessarie alla madre, è stato bersagliato dal musulmano che continuava a percuoterlo per farlo lavorare di più, sotto il sole, in condizioni pietose.

Quando finalmente il bambino è riuscito a restituire il denaro, ha detto all’uomo che non sarebbe più tornato a lavorare. Il musulmano lo ha picchiato a fino a farlo morire. Come riporta Asia News, l’uomo è stato arrestato ma si sospetta persino la violenza sessuale.